“Nessuno vide il gesto” – Recensione a Una Fame Instancabile per #25Aprile

di Roberto Gastaldo

full_unafameLeggendo “Una fame instancabile” ho incontrato un solo episodio di cui già conoscevo una versione, quello della battaglia finale di Dante Di Nanni che da solo, e ferito, tenne in scacco per ore decine di tedeschi e fascisti che tentavano di catturarlo. Di questa vicenda avevo letto in “Senza tregua”, di Giovanni Pesce, che aveva partecipato poche ore prima al sabotaggio nel quale Di Nanni era stato ferito. I fatti narrati nei due libri sono gli stessi, ma il modo in cui sono raccontati è enormemente diverso: mentre Pesce si sforza di rendere un personaggio sovrumanamente eroico, descrivendone dettagliatamente tutte i gesti (per la maggior parte necessariamente frutto di deduzione o di fantasia, dato che Di Nanni era solo nell’appartamento), Borione e Giaka nel loro libro si attengono a quanto di quel combattimento il protagonista del libro riuscì a scorgere o a venire a sapere. Il risultato è che la figura del diciannovenne partigiano, liberata dal sovraccarico dei tanti gesti eccezionali attribuitigli da Pesce, acquista in umanità senza venire sminuita in eroismo. Come scritto nel libro riguardo agli ultimi secondi della vita di Di Nanni

Nessuno vide il gesto, e in fondo non era importante, restava quanto di eroico c’è nel sacrificare la propria vita per combattere il fascismo, per immaginare un mondo senza follia o terrore donandosi fino all’ultima goccia di sangue.

Questa capacità di raccontare senza strafare, di distinguere il necessario dal superfluo, sfrondando l’eccessivo e restituendo il necessario, tanto nella scelta degli episodi quanto nel tono del racconto, si evidenzia in tutte le pagine di questo libro, ed è forse il migliore (anche se non certo l’unico) motivo per leggerlo.

La narrazione segue la biografia di Silvio, uno dei due autori, a partire dal 1938 quando, all’età di otto anni, si trasferisce dalla casa della madre a quella del padre, convinto antifascista già noto agli ambienti della polizia politica. Dopo una rapida descrizione dei primi due anni il racconto entra nel vivo con il trasferimento della famiglia in Borgo San Paolo nel 1940, trasferimento deciso perchè il padre e la sua compagna

spendevano entrambi i soldi del tram per raggiungere il lavoro in quanto nessuno dei due poteva andarci a piedi, e quello era un costo che incideva non poco sulla già povera economia della casa

un sorteggio decise a quale dei due posti di lavoro ci si dovesse avvicinare, e toccò a quello del padre.

In Borgo San Paolo Silvio cresce in un quartiere dove ad essere costruiti attorno alle fabbriche non sono solo le case, ma anche le vite stesse degli abitanti, tutti aggrappati ad un impiego che a fatica gli consente di arrivare alla fine del mese, e al tempo stesso cresce in un alloggio in cui non erano infrequenti le irruzioni della polizia fascista. Nella sua vita di quegli anni le due lotte, quella contro la povertà e quella contro il regime, si riuniscono, e vengono entrambe vissute in gruppo, la prima con la ‘banda’ dei ragazzini che abitano nella via, la seconda con i gruppi antifascisti di cui fa parte il padre. Con l’andare del tempo e il susseguirsi degli eventi la seconda lotta diviene sempre più pressante quanto a tempo e sforzi richiesti, ma non si separa mai dalla prima, né lo potrebbe, vuoi perchè i responsabili dei due problemi erano gli stessi, vuoi perchè il collegamento era già nelle sensazioni quotidiane (“avevo tre amici fidati: il freddo, la fame e la paura”, dice Silvio in una delle pagine).

Quelli raccontati nel romanzo possono considerarsi in gran parte episodi minori della guerra di liberazione (e in quelli maggiori, come gli scioperi del ’43, o la difesa della FIAT mirafiori, il ruolo dei protagonisti del romanzo è quello di comprimari), ma è proprio questa la ragione che rende così efficace questa testimonianza, il suo porsi su un piano accessibile, lontano dagli inarrivabili eroismi quanto dall’ignavia, dalla fiducia cieca quanto dal dubbio paralizzante. Nel selezionare gli appunti che Silvio ha conservato per settantanni gli autori sono riusciti a costruire una storia che ha poco di banale ma nulla di irraggiungibile, una storia che costringe il lettore a mettersi nei panni dei protagonisti senza fornirgli l’alibi del gesto troppo grande, troppo facilme da dichiarare al di fuori della propria portata. E altrettanto funzionale a questa esigenza è lo stile della scrittura, nè troppo scarno nè pedante, ancorato agli eventi ma capace di aprire panorami amplissimi seguendo le fantasie di quello che, nonostante le sue azioni tendano a farlo dimenticare, era pur sempre un ragazzo di dieci e poi quattordici anni, con tutte le caratteristiche di quell’età, incoscienza e illimitata capacità di immaginare prima di tutte.

“Una fame instancabile” è un libro importante per rinsaldare paletti che troppo ottimisticamente avevamo creduto infissi per sempre nelle memorie, perchè se è vero che, come scrive Borione nell’introduzione,

Non è ma smessa la sfilata di storici, giornalisti, politici e via liquamando, che hanno esposto la storia gradita a chi li pagava, avvelenandola di quelle falsità, distorsioni e sporche finalità che non hanno fatto che accompagnarla alla tomba

è anche vero che oggi più che in passato queste falsità sembrano riuscire a confondere le carte. E quindi abbiamo bisogno di racconti come questo, che non abbiano bisogno di sottolineare con l’esagerazione per rendere evidenti le differenze, di sopprimere la critica per non confondere la distanza che separa un compagno di cui non si condividono le decisioni da un fascista, che mostrino le cose da un punto di vista non inquadrato nei ranghi ma alieno alla falsa neutralità che torna utile solo a chi vuole lettori assopiti.

Un libro che mi è tornato alla mente dopo aver letto questo romanzo è “Un sacchetto di biglie”, di Joseph Joffò. Oltre al periodo storico trattato e al fatto avere come protagonisti dei bambini trovo che i due romanzi abbiano in comune, forse proprio grazie all’età dei protagonisti, la capacità di aggirare gli schermi di cui molti si servono per tenere lontane le evidenze sgradite. Senza voler forzare analogie che finiscono sempre per togliere più di quanto aggiungano penso che “Una fame instancabile” avrebbe tutte le caratteristiche per diventare un piccolo classico come il suo omologo francese.

Una fame instancabile
Silvio Borione, Giaka
Red Star Press, 2017
204 pagine
14 euro

FacebookCondividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *